Verso una consensus per gli screening cervicali nelle donne vaccinate

A breve raggiungeranno l'età per lo screening cervicale le coorti di donne vaccinate contro l'HPV in età adolescenziale. Dal 2017 giungeranno le donne vaccinate a 16 anni, mentre nel 2021 quelle vaccinate a 12 anni. Questa nuova situazione pone ai programmi di screening la necessità di ripensare le modalità di intervento. Per arrivare a una Consensus Conference che veda la partecipazione - oltre che dell'Osservatorio Nazionale Screening (ONS) e del Gruppo Italiano Screening Cervicale (GISCi) - anche di altre società scientifiche tra cui la SItI i colleghi Paolo BonanniAntonio Ferro e Anna Maria Del Sole stanno lavorando a un testo condiviso.

In Appello ribaltata la sentenza di Rimini: nessun rischio di autismo

Non esistono evidenze scientifiche che il vaccino MPR provochi l’autismo. La Corte d'Appello di Bologna ha ribaltato la discussa sentenza del giudice del lavoro di Rimini che, nel 2012, aveva riconosciuto il risarcimento a un bambino autistico vaccinato dalla ASL nel 2002. La sentenza di primo grado di Rimini (peraltro senza la costituzione in giudizio del Ministero della salute) era stata utilizzata come giurisprudenza in molte cause civili per danni che sono state avviate successivamente, ed ha contribuito al crescente fenomeno della "vaccine hesitancy" con ripercussioni sulle coperture (e sulla salute della popolazione). Su questa sentenza riportiamo il Comunicato stampa della SItI e un commento di Antonio Ferro.

Firmato il Decreto sulle Specializzazioni. Igiene scende da 5 a 4 anni

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha controfirmato il decreto di riordino delle Scuole di specializzazione di Medicina già firmato nei giorni scorsi dal Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Stefania Giannini. Detto Decreto riduce anche la durata dei percorsi formativi, con la Scuola di Igiene e medicina preventiva che torna a 4 anni. "Dovremo attendere la pubblicazione in Gazzetta per verificare la conformità del profilo di apprendimento e degli obiettivi formativi con quanto proposto dal noi - ha dichiarato Gaetano Privitera, Referente presso il CUN delle Scuole di Igiene - e dopo la pubblicazione dovremo lavorare per l’approvazione dei nuovi regolamenti e ordinamenti per i quali sarà necessaria una stretta collaborazione per garantire maggiore omogeneità a livello nazionale. Resta aperta la questione della ridefinizione delle reti formative che è condizionata ad una Legge delega in materia di gestione e sviluppo delle risorse umane ex art. 22 del Patto per la Salute che dovrà emergere da un Tavolo politico Stato-Regioni". In occasione della Conferenza dei Referenti di tutte le scuole di area medica lo scorso 7 gennaio il Presidente del CUN Andrea Lenzi ha lanciato la proposta per la convocazione di una Conferenza nazionale sui percorsi didattico-formativi delle scuole, che si dovrebbe tenere indicativamente verso metà anno a Roma, e ha riproposto l’istituzione di una certificazione nazionale complementare. Per quanto concerne il prossimo concorso nazionale di ammissione, visti i ritardi che la farraginosa procedura attuale sta provocando e le scadenze stringenti che ci si porranno con la pubblicazione del decreto, secondo Lenzi è probabile che questo sarà ritardato di qualche mese.

Il saluto degli igienisti all'ex Presidente Cesare Meloni

Sono stati moltissimi i colleghi e gli amici che hanno salutato la scorsa settimana Cesare Meloni, scomparso il 2 febbraio all'età di 82 anni. Tra questi il Presidente SItI Signorelli e gli ex Presidenti Crovari, Fara, Carreri e Renga. Igienisti on-line ha dedicato a Meloni un numero speciale con i ricordi di molti colleghi, allievi ed amici di una vita. Il ricordo durante le esequie è stato affidato all'allievo Gabriele Pelissero. Nella prossima Giunta della SItI verrà proposto di dedicare una sessione plenaria del prossimo Congresso al nostro ex Presidente che organizzò, proprio a Milano nel 1988, il 33° Congresso Nazionale della SItI.

Mercoledì 4 febbraio alle ore 10 i funerali. Altri messaggi di cordoglio

Le esequie di Cesare Meloni si svolgeranno mercoledì 4 febbraio alle ore 10 nella Chiesa di San Lanfranco a Pavia. Mentre è in fase di composizione il numero speciale di Igienisti on-line continuiamo a ricevere messaggi di ricordo e cordoglio. Da Bologna Emilia Guberti gli rivolge "un pensiero grato e commosso a chi ha dato un contributo fondamentale all’Igiene e alla crescita degli Igienisti italiani impegnati a garantire un contributo fattivo ad una società in continua evoluzione, facendo tesoro dell’eredità dei suoi Maestri". Sempre da Bologna Antonio Faggioli ripercorre le tappe del suo impegno nella SItI. Altri due ex Presidenti lo ricordano con stima e affetto: Francesco Blangiardi che partecipa al lutto della famiglia e Domenico Lagravinese che lo saluta con deferenza essendo stato "il mio primo maestro a Pavia, poi, il mio primo Presidente SItI in Giunta con lui. E' rimasto un amico autorevole e attento".

Il ricordo di Cesare Meloni degli amici e colleghi igienisti

Avrebbe compiuto 85 anni il prossimo 7 febbraio ma era ancora molto lucido prima che il suo cuore cessasse di battere la notte del 2 febbraio. Oggi lo ricordano gli allievi, i colleghi e gli amici con cui per molti anni ha condiviso esperienze umane e professionali. Lo ha voluto ricordare anche Igienisti on-line, "pronipote" dei Fogli informativi SItI che lui aveva fondato, con un numero straordinario che ha raccolto contributi giunti da ogni parte d'Italia. Gabriele Pelissero, ordinario di Igiene a Pavia e suo allievo diretto, ne traccia un profilo scientifico e umano in una nota allegata mentre Alessandro Maida, già Rettore dell'Università di Sassari e Presidente della SItI, afferma che "con la scomparsa del professor Cesare Meloni, l’Igiene italiana perde un appassionato ricercatore e docente, un illuminato Presidente della Società che ha propugnato e difeso i valori e il prestigio della disciplina. Gli Igienisti sassaresi perdono anche un grande amico". Da altri ex Presidenti SItI giungono messaggi di cordoglio e di stima per l'amico e collega. Vittorio Carreri lo ricorda con un pensiero che ha inizio nel 1968 quando conseguì la Specializzazione a Pavia dove Meloni già insegnava. Giovanni Renga gli manda un breve messaggio: "Grazie Professore per tutto quello che hai fatto e in particolare per quel pizzico di saggezza in più' che hai sempre messo nelle nostre decisioni". Gaetano Maria Fara lo rimpiange in un ritratto che evidenzia gli aspetti umani del “cugino scientifico” di un’intera carriera, ma soprattutto di un fratello maggiore ed un amico vero.

Disneyland: dopo l'epidemia di morbillo vaccinazione obbligatoria?

Durante i festeggiamenti di Capodanno, il parco divertimenti Disneyland, in California, ha ricevuto la visita di un ospite indesiderato, il virus del morbillo che in pochi giorni ha fatto registrare oltre 50 casi tra il personale e i frequentatori del noto parco divertimenti americano. Fin qui la notizia curiosa, che ripropone il tema dei contatti internazionali e della riduzione delle coperture vaccinali in molti paesi occidentali che ha stimolato una nota del Washington Post, il quale non ha mancato di ironizzare sul presunto responsabile di questi fatti (L'epidemia di morbillo a Disneyland e il medico caduto in disgrazia che ha inculcato la paura della vaccinazione). Ma è la recentissima proposta delle Autorità sanitarie californiane che farà più discutere: infatti circola l'ipotesi di restringere l'accesso al parco dei soli vaccinati contro il morbillo. Ipotesi surreale. Ma al di là delle ricadute commerciali e organizzative del provvedimento, questo episodio ripropone la necessità di provvedimenti coercitivi in alcune circostanze, al fine di evitare la diffusione di pericolose epidemie. E siamo quasi certi che questo episodio vedrà un calo di presenze nei parchi divertimenti non solo californiani.

Nella lotteria delle specializzazioni l'Igiene assegna 138 posti (su 159)

A ben tre mesi dalla conclusione delle prove concorsuali per le Specializzazioni non si sono ancora concluse le procedure di immatricolazione degli specializzandi del primo anno. Solo 18 delle 32 scuole hanno completato ad oggi i quadri degli ammessi (vedi schema non ufficiale), mentre le altre attendono le scelte dei candidati che occupano le posizioni più basse in graduatoria. Senza contare alcune rinunce ed i previsti disagi logistici, pare quindi che il nuovo sistema, oltre a creare qualche problema, non sia ancora in grado di risolverlo rapidamente!

E' di moda il taglio delle ASL: la Toscana scende da 12 a 3

La Toscana ha deciso e, nella delibera definitiva proposta dall'assessore alla Salute Luigi Marroni e fortemente appoggiata dal Governatore Enrico Rossi, è stata ridisegnata la mappa delle aziende sanitarie con riaccorpamenti che, dal 1° gennaio 2016, dovrebbero far scendere le ASL da 12 a 3. Nella proposta della Lombardia è stato previsto un taglio delle ASL (trasformate in ASSL con l'inserimento del sociale) che scenderebbero dalle attuali 15 a 5 mentre lo scorso anno l'Emilia-Romagna ha unificato nell'unica ASL della Romagna le ex ASL di Ravenna, Cesena, Forlì e Rimini. Intanto procede in Parlamento il dibattito sulle modifiche Costituzionali. Sulla questione delle nuove competenze in materia sanitaria la SItI - assieme a FVM e SNOP - ha sottoscritto un comunicato stampa sottolineando i rischi di riportare alle competenze statali la legislazione in materia di sicurezza alimentare e medicina del lavoro.

Il Corriere commenta due studi. Il caso Fluad sul BMJ

Hanno avuto risalto perfino sul Corriere della Sera i risultati di due studi pubblicati su JAMA che smentiscono le ipotesi di associazione tra alcune vaccinazioni tra cui l'anti-HPV e la sclerosi multipla e altre malattie neurologiche. "Tutto questo - si chiede il giornalista Sergio Harari - basterà a chi preferisce credere alle leggende invece che alla scienza ?". Mentre si attendono dati più completi sulle coperture vaccinali e sull'andamento dell'influenza nella stagione in corso, il caso Fluad e la psicosi collettiva che ne è derivata sono state riassunte e commentate in una lettera pubblicata il 14 gennaio sul British Medical Journal a firma della SItI.

S.It.I. - Società Italiana di Igiene, MEDICINA PREVENTIVA E SANITA' PUBBLICA

Segreteria nazionale:
Viale Città d'Europa 74 - 00144 Roma
E-mail: sitinazionale@tiscali.it
Tel e Fax: 06-5203492

Informativa privacy