Controlli alimentari del PNI con promossi e bocciati

I Servizi igiene degli alimenti e nutrizione (SIAN) e i Servizi veterinari dei Dipartimenti di prevenzione delle Asl nel 2015 hanno controllato 275.382 unità operative (impianti e attrezzature dei locali, strutture e mezzi di trasporto), delle quali 54.141 hanno mostrato infrazioni durante le ispezioni. E' quanto emerge dall'ultimo Piano Nazionale Integrato (PNI) - documento che orienta i controlli ufficiali per la sicurezza alimentare e per la lotta alle frodi lungo l'intera filiera produttiva - che elenca come nel 2016 siano stati conferiti ai laboratori del controllo ufficiale 39.944 campioni di alimenti, bevande e materiali e oggetti a contatto con alimenti, su cui sono state effettuate 98.995 analisi, delle quali 931 irregolari. La Relazione per il 2016 relativa al PNI 2015-2018, oltre ad illustrare i dati di attività di tutte le Amministrazioni che partecipano al Piano, comprende anche una specifica sezione dedicata alle quattro filiere scelte quali obiettivi strategici del PNI 2015-2018: olio d'oliva, latte e derivati, molluschi bivalvi, miele ed altri prodotti dell’alveare. Pertanto, nel capitolo 5A, è riportato un quadro d'insieme di tutte le informazioni disponibili sulle attività svolte lungo tali filiere. Il riepilogo del capitolo dell'istruttoria per l'anno 2015 per veterinaria e alimenti mette in evidenza esito "non sufficiente" per le Regioni Sicilia e Sardegna.

Ranieri Guerra in exclusiva per IGIENISTI ON-LINE

Il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute Ranieri Guerra si rivolge alla SItI con una nota pubblicata sul numero 26/2017 di IGIENISTI ON-LINE e che spiega come vede l'organizzazione dei servizi vaccinali in Italia dopo l'entrata in vigore del nuovo PNPV 2017-19 e delle nuove norme in discussione in questi giorni in Parlamento. La proponiamo in esclusiva ai nostri sempre più numerosi lettori con il commento del Presidente della SItI Fausto Francia nel giorno del suo compleanno. Auguri.

Decreto Lorenzin: verso l'obbligo per 10 vaccini. Ma la discussione è aperta.

Scenderebbero da 12 a 10 le vaccinazioni obbligatorie con altre 4 "consigliate attivamente"; sanzioni più basse per i genitori che non vaccinano e nessun accenno alla possibile perdita della patria potestà. Questi i principali emendamenti approvati dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato dopo la discussione sul Decreto Lorenzin che estende gli obblighi vaccinali e i controlli per gli accessi scolastici. Tra le reazioni più recenti e significative segnaliamo quella del Presidente dell'ISS Walter Ricciardi e del Presidente della Regione Emilia Romagna e della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini. Sul fronte societario, dopo la nota ufficiale SItI del 21 giugno con l'auspicio della rapida conversione del Decreto, segnaliamo un parere del Collegio degli Operatori che verrà esaminato nella prossima Giunta SItI, e una lettera della Sezione Lombardia all'Assessorato (congiuntamente a SNOP e UNPISI), note peraltro in parte superate dalle modifiche al Decreto apportate durante la recente discussione parlamentare.

Successo della Giornata su Salute e Ambiente di Catania

Successo della V Giornata Salute e Ambiente della SItI organizzata a Catania il 30 giugno. Il Convegno, supportato dall’Università e dal Policlinico, è stato organizzato con il Gruppo di Lavoro Salute e Ambiente coordinato da Annalaura Carducci sotto la direzione scientifica di Margherita Ferrante, già coordinatore del gruppo, e ha proposto una riflessione sullo scenario epidemiologico dell’inquinamento ambientale e dei cambiamenti climatici focalizzando l’attenzione circa la loro influenza sulle non communicable diseases con una particolare attenzione ai problemi emergenti legati all’esposizione a nanoparticelle e alle sostanze prioritarie. (leggi la nota di M. Ferrante)

Il problema delle sedi delle Scuole di Igiene e la valutazione scientifica per i professori a contratto

I Direttori sanitari, i Direttori dei Dipartimenti di Prevenzione e tutti gli Operatori Sanitari che vorranno mantenere la funzione di professore a contratto nelle 34 Scuole di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva (vedi la distribuzione dei posti nel 2016) dovranno superare almeno uno dei tre indicatori (numero di pubblicazioni negli ultimi 5 anni, numero di citazioni e valore dell'Indice h negli ultimi 10 anni) dell'Abilitazione Scientifica Nazionale relativi ai professori associati nel Settore Scientifico Disciplinare di riferimento. E' una delle "innovazioni" volute dal Ministero che sta destando molte perplessità e dubbi sulla sua reale efficacia, con il rischio di perdere validissimi docenti e quella interazione con i servizi che è la forza delle nostre Scuole. Dibattuto in questi giorni anche il problema delle sedi delle Scuole di Igiene e Medicina Preventiva che il Decreto vorrebbe in ambiti del SSN ma con Direzioni universitarie, fatto raramente realizzabile. A tutt'oggi l'idea prevalente dei Direttori, coordinati da Gaetano Privitera è quella di ubicare le strutture di sede congiuntamente nelle Direzioni sanitarie aziendali delle Aziende Universitarie e nei Dipartimenti universitari dove afferiscono i professori di igiene in modo da poter soddisfare i numerosi requisiti strutturali e assistenziali. Ma prima del 10 luglio potrebbero esserci altre interpretazioni e "sorprese".

Da Catania a Bruxelles per contenere l'antibiotico-resistenza

Mercoledì 14 giugno, nell'Aula Magna "Santo Mazzarino" del Monastero dei Benedettini presso l'Università di Catania si è tenuto il Convegno dal titolo "La minaccia dell'antimicrobico-resistenza: dalla sorveglianza epidemiologica all'azione". Il Convegno, tra gli eventi celebrativi dei 25 anni di attività del GISIO-SItI, coordinato da Antonella Agodi, ha proposto una riflessione sullo scenario epidemiologico dell'antimicrobico-resistenza e delle infezioni correlate all'assistenza, sulle strategie europee e italiane, con un focus sull'impegno del GISIO e sul programma della Regione Sicilia. Leggi la nota sul convegno.
Il 27 giugno si è tenuto presso il Parlamento Europeo un incontro organizzato dagli eurodeputati Nicola Caputo e José Inácio Faria dedicato all'emergenza antibiotico-resistenza in Europa e alle strategie future di ricerca con l'intervento del Direttore dell'ECDC, di esperti europei e anche del Ministero della Salute Italiano. In rappresentanza delle Associazioni scientifiche europee (EUPHA) ha partecipato il Past-President della SItI Carlo Signorelli.

Screening oncologici: evidenze di efficacia e prospettive di sviluppo

I programmi di screening oncologici stanno vivendo negli ultimi anni un momento di particolare dinamismo in relazione, da una parte, alla necessità di valutare l’inserimento di nuove tecnologie e dall’altra di identificare percorsi che permettano il superamento delle barriere ad un accesso effettivo della popolazione. L’efficacia dei tre programmi di screening è stata già ampiamente dimostrata e discussa in letteratura, a riprova di ciò è la presenza nei Livelli Essenziali di Assistenza ed il richiamo nell’ultimo Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018 della realizzazione dei tre programmi su tutto il territorio nazionale. Nel documento allegato vengono trattati i principali punti di interesse in merito alle innovazioni per i tre programmi di screening nonché una sintesi dei dati delle coperture. Leggi il rapporto di Danilo Cereda.

Eletti i sei membri del nuovo Comitato scientifico della SItI

Il Consiglio delle Sezioni Regionali della SItI, riunitosi a Bologna il 5 maggio, ha nominato, con 17 voti favorevoli e tre astensioni (Sezioni Campania e Triveneto e Coordinatore del Collegio degli Operatori), i sei membri del Comitato Scientifico che sono: Giorgio Liguori, Carla Zotti (nella foto a sinistra), Michele Panunzio, Elisabetta Franco, Daniela D'Alessandro e Mario Cuccia (nella foto a destra). Il coordinatore del Comitato è Francesco Vitale, Ordinario di Igiene e Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Palermo. Al Comitato scientifico spetterà la valutazione degli abstract che verranno inviati per il 50° Congresso Nazionale SItI in programma a Torino dal 22 al 25 novembre.

Il Consiglio delle Sezioni ratifica il nuovo Regolamento

Il Consiglio delle Sezioni Regionali della SItI, riunitosi a Bologna il 5 maggio, ha anche ratificato, con il solo voto contrario della sezione Campania, il nuovo Regolamento del Collegio dei Docenti, approvato dall'Assemblea dei docenti a Roma il 21 maggio 2016. Tra le novità rilevanti il chiarimento sul compito dell'Assemblea di formulare ed esprimere candidature dei componenti universitari per gli Organi collegiali della SItI, già previsto dall'art 24 dello Statuto, con particolare riferimento al Presidente universitario eletto e ai componenti universitari della Giunta Esecutiva. Assoluta novità è anche la cooptazione nel Consiglio Direttivo, senza diritto di voto, di un rappresentante indicato dalla Consulta SItI dei medici in formazione specialistica in Igiene e medicina preventiva.

La Giunta SItI riunita a Bologna si lava le mani nella Giornata mondiale

A Bologna, al termine della riunione tenutasi il 5 maggio, giornata mondiale OMS del lavaggio delle mani, i componenti della Giunta Esecutiva e alcuni presidenti di Sezione si sono lavati le mani a simboleggiare l’importanza di questo gesto semplice ma essenziale per la prevenzione delle infezioni trasmissibili e dell’antibioticoresistenza in tutte le pratiche assistenziali. Tra le diverse attività organizzate a livello locale, regionale e nazionale per l’occasione, il convegno promosso dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute "Antibiotico-resistenza in Italia: problemi attuali e impegno per il futuro", durante il quale sono stati presentati i dati relativi al sistema di sorveglianza delle batteriemie da enterobatteri resistenti ai carbapenemi predisposto dal Ministero della Salute. Ricordiamo anche l'iniziativa "Sfida creativa" lanciata dal GISIO finalizzata a promuovere la realizzazione, da parte degli studenti universitari, di messaggi efficaci sul tema.

S.It.I. - Società Italiana di Igiene, MEDICINA PREVENTIVA E SANITA' PUBBLICA

Segreteria nazionale:
Viale Città d'Europa 74 - 00144 Roma
E-mail: sitinazionale@tiscali.it
Tel e Fax: 06-5203492

Informativa privacy