A Pisa un convegno sulle vaccinazioni negli operatori sanitari

  • Stampa

Il problema delle epidemie nosocomiali di morbillo sta diventando un’emergenza in Toscana come in altre regioni. E l’ospedale sempre di più sembra confermarsi come "hub" di circolazione del virus ed occasione estremamente rischiosa di ponte fra casi comunitari e circolazione ospedaliera con possibilità di trasmissione dagli operatori sanitari a pazienti fragili. Sono molti gli operatori sanitari che oggi si trovano in quella fascia di età giovane adulta a maggior rischio di infezione perché mai raggiunti dall’offerta vaccinale dell’infanzia e comunque cresciuti in una società a bassa circolazione naturale dell’infezione. In molti ospedali la medicina occupazionale riesce a coprire questo gap immunitario, ma spesso fattori organizzativi (mancanza di vaccino negli ambulatori del medico competente) o culturali (resistenza degli operatori a vaccinarsi) rappresentano un ostacolo. Questa problematica interviene proprio in coincidenza con la pianificazione del convegno “Medice cura te ipsum - Le vaccinazioni negli operatori sanitari” che SIMPIOS organizzerà a Pisa i prossimi 27-28 Marzo con la collaborazione di SItI, SIMLI, altre società scientifiche e associazioni di categoria.
Per le iscrizioni contattare la Segreteria organizzativa MZ Congressi:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..