"No vaccino, no nido". Passa la legge dell'Emilia Romagna

  • Stampa

L’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna ha approvato il 22 novembre il progetto di legge regionale sui servizi educativi per la prima infanzia. Esso prevede all'articolo 6 come "requisito di accesso ai servizi educativi e ricreativi pubblici e privati, l’avere assolto da parte del minore gli obblighi vaccinali prescritti dalla normativa vigente; ai fini dell’accesso la vaccinazione deve essere omessa o differita solo in caso di accertati pericoli concreti per la salute del minore in relazione a specifiche condizioni cliniche”. Il nuovo provvedimento prenderà il via effettivo il prossimo anno scolastico e nei mesi precedenti verranno organizzate iniziative formative per preparare il personale all'impatto coi genitori. Il Ministro della salute Beatrice Lorenzin plaude all’iniziativa come una “decisione coraggiosa nell’interesse della salute pubblica e di tutta la sua popolazione”.