A Mestre la SItI porta all'attenzione il problema PFAS

  • Stampa

L’evidenza di una situazione di potenziale rischio ambientale e sanitario legato agli inquinamenti da sostanze perfluoro alchiliche (PFAS) ha indotto la Sezione Triveneto della SItI a organizzare un interessante e frequentato convegno il 30 maggio a Mestre sulla gestione del potenziale rischio da PFAS. Alcune aree del Veneto sono infatti risultate da una recente rilevazione come tra le più inquinate d'Italia per quanto attiene queste sostanze. Il Convegno è stato aperto dal Presidente Nazionale della SItI e chiuso dal Coordinatore onorario del Collegio degli operatori SItI Vittorio Carreri. Le relazioni sono state proposte dai dirigenti regionali e nazionali maggiormente impegnati sulla complessa materia. In particolare, Francesca Russo, responsabile della Sanità Pubblica nel Veneto (nella foto), ha illustrato le principali azioni di mitigazione del rischio sanitario a favore della popolazione interessata dal fenomeno.