Il MEF approva il PNPV 2016-18. E in Messico il Papa vaccina un bambino

  • Stampa

Il piano nazionale di prevenzione vaccinale (PNPV) 2016-18 ha avuto finalmente il via libera dal Ministero dell’Economia. Non è ancora terminato l'iter ma la strada sembra ora agevolata dopo lo stop di quattro mesi sul “tavolo tecnico” per poter identificare le coperture economiche che ha seguito l’iniziale approvazione della Conferenza Stato-Regioni. Oggi le risorse necessarie sono state confermate: si tratta di quei 300 milioni all'anno richiesti dalle Regioni che spianano la strada all'accordo definitivo. Il Piano prevede sanzioni per i medici contrari all’immunizzazione; tuttavia si tratta esclusivamente di percorsi di concertazione con gli Ordini e le associazioni professionali e sindacali per cogliere l'obiettivo condiviso di garantire adeguate coperture. E' richiamato, infine, l'obbligo di vaccinazione per gli alunni per i quali il divieto di frequentare le lezioni non scatterebbe con l'approvazione del Piano ma da una normativa aggiornata che dovrà garantire la protezione degli individui e delle comunità, con misure correlate, come, l'obbligo di certificazione dell'avvenuta effettuazione delle vaccinazioni previste dal calendario per l'ingresso scolastico. Nella foto Papa Francesco che, durante la recente visita in Messico, ha promosso la campagna a favore delle vaccinazioni somministrando personalmente a un bimbo di 5 anni una dose di vaccino contro la poliomielite. (a cura di Stefania Boccia)